domenica 26 dicembre 2010

GOD IS WAITING FOR YOU...

Le "vacanze" passano lisce lisce tra cappelletti in brodo e Tittle in limbo dei residents, ottimo disco da ascoltare in relax mentre lavori alle tue cose e cerchi di dar un ordine all'anno oramai in conclusione.
Allora, dopo aver finito un lavorone lungo mesi a testa bassa, è li che cominci a sistemare le altre cose alle quali prima o poi dovrai dar termine.
"Ernesto" sta uscendo a puntate, questi giorni ho fatto una tavola introduttiva per ogni capitolo, così, per fissare argomenti...

domenica 19 dicembre 2010

25 DICEMBRE

Auguri?
Il 25 Dicembre si celebra la morte di Pan, buone feste!

giovedì 16 dicembre 2010

IL PASTO A SCROCCO ( tradimento della fiducia II )

Il cibo pagato dall'ingenuo, una taverna famosa omonima di una illustre guida gastronomica, due traditori conosciuti quanto quello evangelico

sabato 11 dicembre 2010

LO SPRINT FINALE

Io ne ho visto la fine, voi ancora no.
Adesso pausa, riguardare il tutto tra qualche giorno, selezionare, correggere e via!

domenica 5 dicembre 2010

ROSSETTI & CO ( a ciascuno il suo Morris )

Per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di tener tra le mani il secondo numero di G.I.U.D.A., ma anche per chi ancora non lo ha...dal 18 dicembre si terrà a Vasto presso il Centro Rosetti una mostra dal titolo " I ROSSETTI A FUMETTI ", potrete gustarvi le tavole originali dal secondo numero della rivista tutta incentrata sulla confraternita dei preraffaelliti, questo numero, ancor più del primo è un ottimo oggetto/libro, curato nei minimi dettagli e con delle scelte di ottimo gusto, la parte grafica, che spesso nel fumetto viene poco curata, qui è eccelsa!
Autocompiacimento a parte, di seguito comunicato stampa ed una tavola...
Al solito, siateci!
I Rossetti a fumetti
Mostra delle tavole originali del 2° numero dedicato ai Preraffaelliti
Museo Archeologico, Palazzo d’Avalos, Vasto http://www.centrorossetti.eu/
Dal 18 dicembre 2010 al 7 gennaio 2011
Inaugurazione e incontro sabato 18 dicembre alle ore 19.30
Espongono:
Gianluca Costantini, Ciro Fanelli, Alice Socal, Angelo Mennillo,
Robert Rebotti, Rocco Lombardi, Armin Barducci
Giuda (acronimo di Geographical Institute of Unconventional Drawing Arts) è una rivista che si nutre ugualmente di nostalgia, cartografia e immagini disegnate. La mappa non è il territorio: e il disegno non è il rappresentato. Come si incrociano il disegno e la rappresentazione geografica? Giuda indaga il tradimento delle immagini, l’ambiguo rapporto tra segno e percezione.

Nel secondo numero, gli ospiti inconsapevoli delle mappe visive del gruppo coordinato da Gianluca Costantini sono i preraffaelliti. I giovani inglesi insieme a Dante Gabriel Rossetti, figlio di un carbonaro italiano in esilio, crearono in epoca vittoriana un mondo osteggiato dalla critica d'arte tradizionale, fatto non solo di scelte stilistiche, che partivano da una forte consapevolezza del rapporto tra rappresentazione e simbolismo, ma anche di poesia, di letteratura e soprattutto delle vite stesse dei suoi protagonisti. Sulle biografie degli artisti, sul loro essere una geografia sentimentale che spesso ha composto destini intrecciati, si sono concentrati i disegnatori di Giuda. William Morris, che fu intenso artigiano della tappezzeria e socialista della prima ora insieme alla figlia di Marx, lo stesso Rossetti, poeta prima che pittore, dedito al laudano e alle donne, gli artisti e le artiste dell'epoca si incontrano nelle pagine della rivista preavanguardistica Giuda per parlarsi attraverso il linguaggio del fumetto.

mercoledì 27 ottobre 2010

SCATOLE CINESI A LUCCA

Annunciaziò, annunciaziò!
Mi chiama Lucciola e mi dice: " abbiamo ritirato le copie in tipografia, tutto ok... "
Bene, se siete tra quelli che come me hanno deciso di impazzire nella bolgia di Lucca Comics questo weekend...troverete la vostra copia di " China Box With Topor " al banchetto di Lamette al popolarissimo prezzo di 2euri!
Non posso star qui a parlar bene di questo mio albetto monografico ( sarebbe di cattivo gusto autoelogiarmi ), però, posso parlar benissimo di Rocco e Simone di LAMETTE che mi hanno affidato il duro compito di fumettarillustrare un vecchio racconto di Topor e che hanno sopportato la mia pazzia e la mia pignoleria in chiusura del lavoro.
Sopra la copertina, qui sotto due rughe mie che troverete nella terza di copertina...
Mio fratello, il maggiore, aveva predetto la morte di Raimondo Vianello più di dieci anni fa…
Era il suo cavallo di battaglia, un po’ come giocare un numero ritardatario al lotto.
Ogni anno diceva “Ho una visione, entro dicembre Vianello morirà”.
Non c’ha mai preso, in un decennio è stato fregato da tutta una serie di personaggi celebri morti prima di lui: il Papa, Pavarotti… e ultimo grande smacco Mike Bongiorno, il più atletico!
Il più insospettabile!
Ovviamente, qualche mese fa, alla notizia della morte di Raimondo ha tentato di pavoneggiarsi dei suoi poteri divinatori… ma con scarso successo…
Lo stesso motivo del vincere facile mi ha spinto un anno e mezzo fa, dopo aver conosciuto Rocco e Simone, a dirmi “Entro un anno pubblicherò un albo con Lamette”.
Caro fratello mio, ti ho battuto...
L’incontro con il duo più punk del fumetto italiano è avvenuto durante una surreale riunione nella dimora di un personaggio fondamentale di una certa editoria italiana sorta e insorta negli ultimi 30 anni; in quell’occasione, durante la cena, Simone tenne un interminabile monologo su di una ragazza problematica ed il suo esser stata circuita da dei fondamentalisti religiosi, monologo che terminò senza alcuna morale della storia ma con un apprezzamento sessuale nei riguardi della ragazza in questione; Rocco seguiva il delirio e sorrideva imbarazzato come una mamma durante la recita di fine anno del figlio impacciato.
Ci siamo piaciuti, prima come persone e poi apprezzati per il nostro lavoro.
Tant’è che nei mesi a seguire le nostre strade si son incrociate più volte in differenti progetti.
Oggi ci incrociamo in questo progetto; il padrone di casa della sopracitata riunione era un amico personale di Topor… questo a dimostrazione del fatto che il nostro è un settore talmente piccolo e noi siamo talmente pochi da dover persino far attenzione a non innamorarci della persona sbagliata per non far un torto a nessuno…
Carissimo fratello, lascia perdere la Montalcini, ti do una dritta: tieni d’occhio Pippo Baudo, ho un certo presentimento…

lunedì 25 ottobre 2010

Anything Jesus Does I Can Do Better

Citando i Locust, che con i loro pochi dischi mi stanno accompagnando nel terminare questo pinocchio universale...
Il Gran Capo ha dato l'ok, io sto completando...

sabato 16 ottobre 2010

L'ALTRA META' DELLE COSE

Variazioni sul tema in attesa di...

lunedì 11 ottobre 2010

LE COSE A META'

La settimana scorsa ho chiuso due lavori ( su questo ci tornerò più avanti, a breve, quando saranno su carta ).
Se si tralasciano la frenesia degli ultimi giorni e tutte quelle piccole correzioni dell'ultimo minuto è sempre una bella sensazione: iniziare/finire.
Allora, sei li che ti godi questa piacevole sensazione e immancabilmente te la rovini da solo pensando alle tante cose incompiute...
Una volta dovevo tatuare il trashume di un minipony su di una persona, per una serie di cose il progetto è sfumato...per eliminare la mancata fine/realizzazione della cosa ho immaginato perchè la bestiola di fantasia non è mai arrivata a destinazione...
GUIDATE CON PRUDENZIA!

venerdì 17 settembre 2010

COSA SUCCEDE?

E' quando stai lavorando di più che dal blog sembra che stai lavorando meno...
Cinque diverse cose in cantiere...tutte insieme...tutte a scadenza breve...tutte in incognito al momento...
Allora qui posto tre immagini da tre diverse cose, la prima da un albetto mio in uscita a brevissimo per noi che siam in questo stivale ( se consegno in tempo... ), la seconda è per l'artwork di un cd di un noto folle romano...la terza da un albetto per i cugini d'oltralpe...
Buona visione

martedì 7 settembre 2010

GIUDA II

E' uscito il secondo numero di G.I.U.D.A.
Al momento potete ordinarlo direttamente dal sito, altrimenti potete aspettare le date del nuovo tour promozionale che a mano a mano verranno aggiornate anche su questo blog.
In questo secondo numero troverete tutti noi autori del primo ( oltre a me, Rocco Lombardi,Alice Socal, Armin Barducci, Robert Rebotti, Angelo Mennillo, Elettra Stamboulis, Marco Lobietti), l'immagine di copertina è di Gianluca Costantini, l'ospite straniero di questo numero è Nina Bunjevac ed il tema centrale è sulla confraternita dei preraffaelliti.

Sul sito di G.I.U.D.A. , oltre ad andarci per far il vostro ordine...potete pure leggere una dettagliata scheda di presentazione.

Qui, l'immagine di copertina e una tavola dalla seconda puntata di " Ernesto ", la storia pornoguerrigliera che pubblico a piccoli assaggi.
Buona lettura! ( partendo dal presupposto che siete saggi ed acquisterete il volume in questione...)

giovedì 2 settembre 2010

.:FROM ISLAND:.

Ultimo post di cazzeggio, piccolo schizzo con mezzi di fortuna ( penna bic della conad ), riassunto dell'ultimo mese isolano direttamente dall'isola, son già a testa bassa su altri lavori, tanti ( per fortuna ) ma con consegne brevissime e tutti concentrati...prossimamente su questi schermi...

domenica 29 agosto 2010

L'ANDATA IN UNO SCHIZZO


Anno scorso, appena sbarco a Cagliari la finanza con tanto di cani organizzarono una festicciuola in mio onore...quest'anno, dopo un viaggio infernale scendo, non vedo nessuno e penso " dai che quest'anno mi risparmio la figura di merda con tutti gli altri passeggeri ", nulla di più lontano dalla realtà: un omino dall'aria delinquenziale mi si avvicina e mi bisbiglia qualcosa e io " come scusi? " ( mi credevo che voleva delle monetine ) e lui mostrandomi un tesserino

- Guardia di finanza, un controllo -

- A, anche anno scorso mi avete riservato lo stesso trattamento -

- Bene, deve esser contento, è il benvenuto per lei...mi segua


a questo punto la scenetta si sposta in uno stanzino, e io mi preoccupo seriamente per il mio ano...


- Documenti

- Tenga

- Se ha qualcosa me lo dica subito

- Come se poi la situazione cambi

- Non faccia lo spiritoso

- Lo sta facendo lei...

- Mi devo fidare?

- Facciamo così, io non ho voglia di aprir e disfare le valige che sto già in ritardo, porti il cane, faccia annusare tutto a lui, così finiamo la cosa prima

- Io lo porto il cane, ma se poi ha qualcosa son cazzi, quindi me lo dica prima

- E secondo lei le chiedo il cane se so di aver chissà cosa in borsa? E poi scusi, vuol farmi credere che per il reo confesso c'è un premio?

- Cosa è venuto a fare qui?

- Vacanza da un amico

- E chi è questo amico?

- A, quante ne vuol sapere lei! Cenzo, lo conosci?

- Va bene, facciamo che mi fido, Mi fido? devo fidarmi?

- Veda un po' lei

- Dai, vai, riprendi i documentie va via

- Buon lavoro

- Buona vacanza
Penso che devo aver propio una faccia sospetta...probabilmente avevo quella del naufragato dopo quel viaggio, ma l'omino della finanza l'ha vista come faccia da ammutinato, lui non lo sa, ma mi ha fatto un complimento
P.S. il mal di mare, come le allergie, quando sai di soffrirne è già scattato il delirio

martedì 17 agosto 2010

sbarca GILETTE


Gilette sbarca sull'isola sarda accompagnato dalla mia persona, qui, stringo patto d'alleanza con giovani lettori autoctoni

sabato 24 luglio 2010

I TRE GENTLEMAN CONSIGLIANO:

L'Edituro, l'Imperituro e il Punk anziano te lo consigliano: fatti un regalo e fai un regalo ai tuoi eredi che ti ringrazieranno! GILETTE, soli 5 euri, coloratissimo, disegnatissimo e suona come un vecchio 45 giri... ( pure nel formato ).
Potete richiederlo direttamente a me. Se anche tu caro lettore sei tra quelli che si è lasciato sfuggire l'occasione contattami e GILETTE ti raggiungerà direttamente a casa tua!

lunedì 19 luglio 2010

BALOCCOCITY

Nel paese dei balocchi non si ha la necessità di creder nella superstizione della democrazia.
Qui, invece, si ha la necessità di creder in un rapido calo delle temperature, altrimenti dovrò traslocar lo studio, è impraticabile, ogni tavola costa il quadruplo in sudore e minerali persi...

lunedì 12 luglio 2010

COME SARA' L'ESTATE?

Quest'estate sarà ruock!
Non aggiorno, ma son vivo...sto sudando sopra un lavorone che spero di consegnar per la fine del mese...poi tutta sardegna...
Per cui, il tempo per far cose postabili al momento è inesistente, ieri sera ho giocherellato su carta, almeno do un aggiornatina...
ho sempre il cazzosissimo problema dello scanner che si mangia i colori...in realtà sarebbe molto più acido di batteria!

mercoledì 16 giugno 2010

- IL MEGLIO DI UN UOMO -

Domani inizia il crack, quest'anno le proposte son infinite, un sacco di concerti ( alcuni incredibili ) e tanto tanto tanto materiale.
Dalla mia, oltre a esser presente in catalogo ( come già accennato in un precedente post ) con una breve storia sull'ammmore, ci sarò con un interessante mostra di G.I.U.D.A. ma soprattutto presenteremo assieme alla fantasmagorica banda di Epoc la terza guida illustrata su i gruppi musicali, non edita da lamette, ma da noi, si chiamerà Gillette e la troverete assieme al nuovo numero di Epoc, Simone di lamette è stato tanto cortese non solo da appoggiarci, ma ha pure scritto la prefazione dove ci riempe di insulti ( con ammmore ).
In questo albetto ho disegnato la storia di SNAKEFINGER raccontata a dei bambini.
P.S. L'intero albo è a colori e le storie sono da sei pagine, ci troverete tutto ciò che di inascoltabile c'è al mondo!
Di seguito, il programma delle stanze di Epoc nei giorni del crack dove verrà lanciato Gillette.

La banda di EPOC ERO UROI finalmente torna al grande pubblico con IL NUOVO NUMERO TRES!!!! L'occasione è quantomai bellissima, ovvero la manifestazione CRACK- FESTIVAL DI FUMETTI DIROMPENTI che li ospiterà in alcune delle cellette sottostanti il Forte, meta di pellegrinaggi di appassionati.Come da tradizione sono previsti presso il nostro banchetto numeri di alto intrattenimento : ma vediamo una rapida sintesi delle meraviglie che vi aspettano 1 -L'ensamble musicale LA RICREAZIONE un assemblaggio di musicisti e non musicisti di varia estrazione daranno vita a musiche spontanee coordinandosi a loro piacimento tutti insieme nello stesso momento2 - NERVOTIK E LE SUE TASTIERETTEUn noto volto della scena artistica romana darà vita ad un concertino strullo a base di tastierine e stylophone , sarà molto piacevole3 - CONCERTO DI FACCEUn duo che si dedica alla musica muta, utilizzando solo la mimica facciale per generare nell'ascoltatore/ spettatore le stesse emozioni che si ricavano nel sentire delle arie d'opera o della musica pop di qualità4 - SPOGLIARELLO DI PUPAZZIsimone tso , uno dei pilastri di epoc ero uroi, ci offrirà questo piccante siparietto introducendoci in questo fantastico mondo. Non temete pero', nulla di particolarmente HOT, le mamme possono stare tranquille ! (qui c'era un'emoticon confidenziale ma me l'hanno cassata)5 - FLAVIO in : DJ SET TERRAZZINOUno dei pilastri del technopop innamorato ci deliziera con un dj set via NINTENDO DS : la selezione di eccezionale qualità si baserà su un solido excursus nella musica leggera italiana degli ultimi secoli, appuntamento da non mancare davvero6 - DJ SET A ROTAZIONESono previsti dj set di vario genere - dal noise al thrash metal passando per la pop music e il glo fi - opera di illustri nomi del settore intrattenimento7 - OSPITI A SORPRESAQualcuno ci farà gradita sorpresaTutto questo avverrà RIGOROSAMENTE ad orari imprecisati, vi conviene dunque prenotare un posto in prima fila!!!P.S: gli eventi saranno aggiornati di volta in volta, si attendono nuove adesioni CI VEDIAMO DUNQUE GIOVEDI' AL FORTE PRENESTINOEPOC E' AMORE!!!

lunedì 7 giugno 2010

GIUDA GUADA IL PO E SBARCA A MILANO


Da domani fino al 16 giugno alla Limited no art gallery in via Porpora,148 ci sarà la mostra di G.I.U.D.A. " Prima che bruci Milano ", visto che è prima ( mentre attendiamo con ansia un dopo ) andateci e godetevela!

venerdì 4 giugno 2010

Crack 2MILA10


E' già passato un anno...dal 17 al 20 giugno al forteprenestino si svolgerà la sesta edizione del più bello/divertente/stimolante festival del fumetto.
Quest'anno, oltre ad un paio di mostre e ad alcune pubblicazioni di cui parlerò nei giorni prossimi, sarò presente anche nel catalogo della manifestazione con una breve storia, il tema di quest'anno è amore/odio, o uno dei due a scelta...
Mi raccomando ( per voi ), siateci!
Qui, la tavola centrale della storia in catalogo.

giovedì 20 maggio 2010

FRIGIDIARIO: data astrale 30/05/2MILA10



Il 30 maggio s'inaugurerà una mostra a Pesaro per i 30 anni di FRIGIDAIRE, in quest'occasione il caro Simone ( ne è passata di bava sotto i ponti da quando ci divertivam assieme a sputar in testa ai turisti dalle finestre del palazzo ducale di Urbino...a volte talmente arditi da armarci di idrolitina per aumentar le cartucce...), che ne ha curato l'organizzazione, ha pure pensato di riunire la meglio feccia dei disegnatori italiani per crear uno spazio dedicato all'omaggio che ognuna farà in occasione di questa ricorrenza. Tra la feccia ci son pure io, ora, adoro quel genio dadaista di Tamburini ( ma sarebbe stato troppo serio ), il coatto metallico è già stato omaggiato da tanti altri disegnatori...per cui ho optato per plagiare il miglior albetto monografico sfornato da FRIGIDAIRE nei primi anni '80: "SQUEAK THE MOUSE", il pornosplatterhorror a base di micette e topi concepito da uno che disegnava per il corriere dei piccoli, Massimo Mattioli.
( grattachecca e fighetto l'han plagiato prima di me... ), su via! SIATECI ANCHE IN QUESTA OCCASIONE!!!!

sabato 15 maggio 2010

DOPPIETTA IN TUTTE LE LIBRERIE





Son usciti per Nutrimenti gli ultimi due volumi illustrati da me nella collana di narrativa Gog,
Il primo " Baci da cinema " di Eric Fottorino ( evitate facili battute visto che è il direttore di Le Monde ). Un romanzo che oltre a raccontarci una storia è anche un omaggio al cinema francese di certi anni...Tant'è che per la copertina e l'interno mi son state affidate immagini da realizzare partendo da fotogrammi di alcuni film della Nouvelle Vague.
Il secondo è " L'anno delle ceneri" di Giuseppe Schillaci, una storia ambientata in Sicilia nel 1948, storia che guarda a caso mi è capitata tra le mani proprio mentre sto terminando "Ernesto" ( la storia in 6 episodi che sto portendo avanti sulle pagine di G.I.U.D.A. ) ambientata nello stesso periodo e con molte atmosfere simile a quelle del libro...

Di seguito le schede dei due libri:

BACI DA CINEMA: È nella luce, in una vita popolata di figure assenti e volti di dive addormentate nel disordine del tempo, che Gilles Hector, avvocato parigino di mezz’età, vive il suo difficile amore per Mayliss, una donna sposata che incontra per caso in un cinema il giorno del funerale del padre. Quella di Gilles – figlio di un bacio da cinema – è una ricerca dolorosa, primordiale. La madre, a lui sconosciuta e negata, era – presume – un’attrice con cui il padre, direttore della fotografia dei più importanti film della Nouvelle Vague, ebbe una relazione conclusasi misteriosamente. È tra quei volti illuminati alla perfezione che si cela la madre, decine e decine di film e fotografie passati al setaccio mentre Mayliss diventa un sortilegio, un’amante, una madre, una divoratrice del tempo. Perché Mayliss assomiglia così tanto alla misteriosa donna del cortometraggio? La verità è sfumata e sfuggente, e il ricordo non è altro che una pellicola in bianco e nero

L'ANNO DELLE CENERI: Il fatale destino di un amore impossibile, quello tra Masino e Ninetta, s’innesta in un lungo racconto delle origini, in un anno di svolta, il 1948, a Palermo, crocevia e snodo d’interessi e traffici che si protraggono nel presente. Il tessuto connettivo della borgata di Buon Riposo riflette l’Italia di oggi: gli affarucci e gli interessi di miseri e capetti, la contrapposizione destra-sinistra, l’ingerenza della Chiesa e del malaffare, e la legge non scritta che tutto ciò non deve cambiare. Che l’oracolo è una condanna. E sulle ceneri della civiltà, dell’ideologia, delle credenze che hanno spesse e profonde radici nel mito, aleggia la voglia di rinascita, necessariamente altrove, e domina il racconto perché come dice Nofrio, il vecchio del ponte Ammiraglio, “raccontare è ricordare, dare la vita, salvarsi".

martedì 27 aprile 2010

G.I.U.D.A. al Napoli Comicon




Lo scorso anno il Comicon a Napoli era in questi giorni, li, cartellina sotto braccio, sole in faccia e ( anche se raro ) buon umore per una serie di cose avvenute in quel periodo, mi aggiravo per la fiera stringendo mani e conoscendo persone che oggi da sconosciuti son diventati buoni amici...
Uno di questi è Rocco, per il quale avevo da poco fatto le 4 pagine su gli psychic tv uscite poi sul volume uno della guida illustrata al frastuono più atroce.
A una certa, mentre ero seduto a riposarmi dietro il banchetto di lamette, passa Costantini a salutare Rocco, Rocco ne approfitta e lo invita a veder i miei lavori, un rapido scambio di battute e mi ritrovo "arruolato" nel gruppo di G.I.U.D.A. ( che all'epoca doveva esser strutturato in un certo modo ma ad oggi è divenuto altro ).
Pochi giorni dopo vengo a saper da Rocco che anche lui è della squadra.
Ad un anno di distanza si ripete il Comicon e quest'anno G.I.U.D.A. sarà ospite della manifestazione con una mostra all'interno delle sale del castello.
Ci saranno i nostri lavori dal primo volume della rivista e delle anticipazioni dal secondo numero che andrà in stampa in questo periodo.

Sopra la locandina della mostra, un anticipazione di una mia tavola dal secondo numero ( numero sulla confraternita dei preraffaelliti ) e di seguito il comunicato stampa/invito della mostra
G.I.U.D.A. > Del buon uso del tradimento
Geographical Istitute of Unconventional Drawing Arts

Armin Barducci * Nina Bunjevac * Gianluca Costantini * Ciro Fanelli * Rocco Lombardi * Angelo Mennillo * Alice Socal * Elettra Stamboulis *

Castel Sant’Elmo – Ambulacri, Napoli30 aprile 2 maggio 2010

Giuda indaga il tradimento delle immagini. Lo fa con animo dark, ma ottimista.
C'è nel tradimento un aspetto sotteso, importante, non negativo: il suo denunciare la possibilità dell'interpretazione soggettiva, del segno che restituisce una realtà che è rimasta fino ad allora inesplorata. Nella radice di tradire c'è anche il significato di tramandare.
Giuda si pone come obiettivo implicito il denunciare attraverso la propria esistenza che resiste alla targettizzazione, al prodotto, al merchandising, al mercato, alla distribuzione,e a molte altre cose, la posizione di privilegio che nel tradimento ha il disegno. Un tradimento che fa buon uso della mano di chi lo guida: in opposizione alla falsificazione ipocrita della fotografia o del reportage che non ammettono, se non indirettamente, la propria limitata visuale, la rappresentazione disegnata si costituisce innanzi ai giudici della credibilità e dichiara con innocenza l'autore della nuova cosa, il disegno.
Che è la cosa. Ma è anche altro.
Così questa rivista, che fa della figurazione narrativa la propria materia di lavoro, si oppone con intransigenza e candore al format. È affascinata dalla geografia, dal suo essere la mappa concettuale di un territorio che racconta storie. La Geografia, materia non a caso scomparsa dalle aule di scuola, perché intimamente sovversiva, nel suo essere un magma di tanti saperi, storia, economia, tradizioni popolari, scienze e soprattutto disegno.
Giuda si innamora di mappe dimenticate, che rappresentano a loro volta cumuli di storie sotterrate (non a caso il primo numero saccheggia il cimitero di Montparnasse, ricostruendo una sequenza narrativa di microritratti degli illustri ospiti di questo quadrato di Parigi) senza però ammalarsi di necrofilia. È più una sorta di rivolta contro l'astrazione, la piccola sensazione, il narcisismo ombelicale, che a tratti occupa molta della produzione disegnata europea. Nella ricerca di confini nuovi da esplorare attraverso il disegno, conta il mosaico collettivo che nasce da una rivista che vede operare un gruppo fisso di disegnatori e un ospite, su un terreno comune, uscendo dalla gabbia della storia autoconclusiva, o a puntate, ma che indaga dove il genere nuovo e incandescente della nona arte può arrivare. Un tentativo indagatore sui processi memoriali nella costruzione di sequenze. Una cosa ben diversa dalla costruzione della sequenza narrativa tradizionale. La memoria non opera in senso lineare, concatenando in modo logico e comprensibile gli eventi, tra un prima e un dopo.

Giuda segue un movimento territoriale, ma anche il movimento centrifugo del processo di appropriazione della memoria. Il numero 2 della rivista si incaponirà sulla confraternita dei preraffaelliti, un movimento a più riprese osteggiato dalla critica d'arte, eppure ampiamente recepito nello stile (anche se non nella sostanza) da molta figurazione di genere, tra cui quella delle carte gioco o del fantasy in generale. La confraternita ispira i disegnatori di Giuda per l'aura cospiratoria che ne caratterizzò la prima parte della loro storia, ma anche per la vocazione di bricoleur, intesa in senso lato, dell'Art & Crafts, per la forte sensibilità etica e politica, che non semplificò le forme, il simbolismo spinto, l'attenzione costante per l'estetica. Perché spesso tra etica ed estetica sembra frapporsi una voragine precipitosa, quella dell'antitesi. Ovvero, se c'è etica e politica, scompare l'attenzione estetica. Mentre per i preraffaelliti, così come per il gruppo di Giuda, non c'è l'una senza l'altra. Non a caso Borges, che terminava Finzioni con Tre versioni di Giuda, evoca il lavoro di Dante Gabriel Rossetti come ultimo di una catena di pensieri e lo sintetizza con la frase “disse con musica memorabile”.
Il visionario cieco argentino considerava il futuro irrevocabile, ma non così il passato, giacché ogni volta che ricordiamo qualcosa l a modifichiamo per povertà o ricchezza della nostra memoria, secondo come la si voglia vedere.E la visione non ha sempre bisogno della retina, anche se Giuda si impegna nello sviluppo di questa parte del corpo umano. (Elettra Stamboulis).




Siateci!


mercoledì 7 aprile 2010

DERAGLIAMENTI: segnalazioni e aggiornamenti

-10, ci siamo...al momento DERAGLIAMENTI è stato segnalato da diversi amici e collaboratori:
G.I.U.D.A. , ZIGULINE , Armin Barducci , CRACK! , Rocco Lombardi , Marco Corona , Nigraz , Puverille...segnalateci e siateci pure voi!

domenica 28 marzo 2010

DERAGLIAMENTI festival del fumetto autoprodotto


Ci siamo, è tutto pronto ( o quasi...)

Il 16/17/18 aprile ad Urbino, all'interno della stazione ferroviaria ormai dismessa si svolgerà la prima edizione di DERAGLIAMENTI, festival del fumetto autoprodotto.

Sarà una tre giorni di fumetti e musica, con uno spazio espositivo per riviste e le produzioni indipendenti attivo dal primo pomeriggio e i concerti durante la sera, al momento hanno aderito alcune delle migliori realtà italiane, ma lo spazio espositivo è ampio...chi volesse partecipare non deve far altro che contattarci!

Di seguito riporto il comunicato stampa e la locandina, un ringrazamento speciale ad Andrea Bruno per il disegno della locandina, a Lucio Villani per il concertone della prima serata ( Venerdì 16, come da programma ), a Giusy Noce per i preziosi consigli e l'aiuto e a Rocco Lombardi.

Per ultimi ma non meno importanti, un grazie a La Stazione che ospiterà l'evento!

Nei giorni prossimi aggiornamenti continui...


" Deragliamenti "


Festival del fumetto autoprodotto

Urbino, La Stazione, 16-17-18 Aprile 2010

Dal 16 al 18 Aprile, presso la Vecchia Stazione Ferroviaria di Urbino,si terrà la prima edizione di Deragliamenti, il festival del fumetto autoprodotto.
In questo suggestivo scenario, tra i binari abbandonati, sarà allestita l’area per le riviste e le produzioni editoriali indipendenti; non mancheranno gli incontri con gli autori, i dibattiti e i confronti e poi ancora video proiezioni, musica e aperitivi all’insegna dell’arte.
Deragliamenti è uno spazio libero e autogestito dedicato al mondo sotterraneo ma non sconosciuto del fumetto d’autore autoprodotto, che vanta in Italia realtà innovative e in continua crescita; è un’occasione per la città di Urbino e per il suo territorio di ospitare un evento di respiro nazionale su un linguaggio contemporaneo, così importante, come quello del fumetto.
Programma:
Venerdì 16 Aprile:
ore 15:00 apertura stands e presentazioni riviste
ore 18:00 aperitivo e proiezioni video
ore 22:00 inizio concerto “ Big Lucho all stars “
Sabato17 Aprile:
ore 15:00 apertura stands e presentazioni riviste
ore 18:00 aperitivo e proiezioni video
ore 22:00 DJ Waffi (noise,new wave,elettro…), I DJ Della Mutua Live set
Domenica 18 Aprile:
ore 15:00 apertura stands e presentazioni riviste
ore 18:00 aperitivo e proiezioni video


Ingresso: gratuito


Deragliamenti è realizzato grazie a:
Ideatore: Ciro Fanelli
Collaboratori: Giusy Noce, Lucio Villani, Rocco Lombardi
Partner: Crack! Fumetti dirompenti, La Stazione, Fattoria didattica L’Alveape
Locandina di Andrea Bruno

giovedì 11 marzo 2010

BIL BOL BIEN, le foto della mostra di G.I.U.D.A.

E qui le foto della mostra di G.I.U.D.A. alla spazio capodilucca ( tra l'altro spazio espositivo che non conoscevo e davvero molto bello ), esposizione funerea, ma se avete sfogliato il primo numero di G.I.U.D.A. sapete perchè...

mercoledì 10 marzo 2010

BIL BOL BLEAH!!! stupido reportage fotografico

Aspettando le foto della mostra e della presentazione di G.I.U.D.A. al bilbolbul ( son ormai l'unico al mondo senza macchina fotografica ), posto un po' di foto che mi han mandato, di quelle di compagnia...
Quella che ha dato inizio a questa saga della demenza è stata la prima foto con Marina davanti al totem della sua mostra, che lei stessa ha definito quando me l'ha spedita "ti mando la foto che resterà negli annali del festival per quell'aria bohemienne e insieme supereroistica che vi aleggia..." di li un interminabile serie, che ho in parte tagliato, un po' con tutti, e sempre nella stessa posa
In ordine di apparizione:
Marina, Uiffi & Tamossi, Rocco lametta, Giobbe, Alex Tirana, Mattia, Lrnz e Ratigher, ragazzi dell'organizzazione del festival dei quali al momento ignoro il nome, Samantha di ernest, un cinese sconosciuto che ci ha visto divertiti ed ha voluto partecipare, dei giovinastri ignoti che bivaccano alla fermata dell'autobus, Maicol e in chiusura lo spirito di Vincenzo Van.